Le imposte da versare quando si acquista casa beneficiando delle cosiddette agevolazioni prima casa

contratto locazione

Le imposte da versare quando si acquista casa beneficiando delle cosiddette agevolazioni prima casa

Il beneficio prima casa

Il beneficio prima casa comprende una serie di agevolazioni fiscali finalizzate a favorire l’acquisto di immobili da destinare ad abitazione principale.

Come anticipato le agevolazioni sono numerose; tra queste una riduzione dell’imposta di registro, dell’Iva, inoltre non sono dovuti imposta di bollo, tributi speciali catastali e tasse ipotecarie sugli atti assoggettati all’imposta di registro e quelli necessari per compiere gli adempimenti presso il catasto e i registri immobiliari.

Come già precisato in uno degli ultimi articoli pubblicati, per poter usufruire dell’aliquota agevolata, infatti, dovranno concorrere le seguenti condizioni:

  • l’immobile acquistato non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8, A/9: non deve quindi essere un immobile di lusso;
  • l’immobile deve trovarsi nel Comune in cui l’acquirente ha la propria residenza (o, comunque, dove – in un periodo di massimo 18 mesi – stabilirà la propria residenza), o nel Comune dove svolge la sua attività lavorativa;
  • l’acquirente non deve essere titolare esclusivo, o in comunione con il coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del Comune in cui è situato l’immobile;
  • l’acquirente non deve essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dal soggetto o dal coniuge con le stesse agevolazioni.

Le imposte da versare

Se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva, i vantaggi previsti per il beneficio prima casa sono:

  • imposta ipotecaria fissa di 50,00 euro;
  • imposta catastale fissa di 50,00 euro;
  • Imposta di registro prevista al 2% (invece che la classica al 9%);
  • Esenzione dal versamento dell’imposta di bollo;
  • Esenzione dal versamento di tasse ipotecarie.

Se si acquista da un’impresa, quindi con vendita soggetta a Iva, le imposte da versare con i benefici “prima casa” sono:

  • imposta di registro fissa di 200,00 euro;
  • imposta ipotecaria fissa di 200,00 euro;
  • imposta catastale fissa di 200,00 euro;
  • Aliquota Iva prevista al 4% (invece che la classica al 10%);
  • Imposta di bollo fissa di 230,00 euro;
  • Tasse ipotecarie pari a 35,00 euro;
  • Voltura catastale pari a 55,00 euro.

Il credito d’imposta per il riacquisto della prima casa

Accanto all’agevolazione acquisto prima casa vi è anche – in quanto ad essa collegata – l’ulteriore agevolazione relativa al credito d’imposta per il riacquisto della prima casa.

L’art. 7, comma 1, della Legge 448/98, prevede l’applicazione di un credito di imposta il quale viene erogato a favore di contribuenti che, dopo aver alienato, a qualsiasi titolo, un’abitazione acquistata con l’agevolazione “prima casa”, ne acquistano un’altra.

I requisiti per l’erogazione del credito sono:

  • aver già goduto dell’agevolazione prima casa in relazione ad un determinato acquisto immobiliare per il quale è stata pagata l’Iva o l’Imposta di Registro;
  • L’acquisto del secondo immobile prima casa deve avvenire necessariamente entro un anno dalla vendita del primo immobile;
  • Il soggetto deve possedere le condizioni richieste dalla legge per l’applicazione del beneficio prima casa e l’agevolazione non deve essere decaduta.

Per quanto riguarda il quantum, il credito d’imposta è pari al minor importo tra l’imposta di registro (o l’Iva) corrisposta in relazione al primo acquisto agevolato, e la stessa imposta di registro (o Iva) corrisposta in relazione al secondo acquisto agevolato.

Il credito d’imposta, infine, può essere utilizzato alternativamente:

  1. in diminuzione dell’imposta di registro dovuta in relazione al nuovo acquisto;
  2. in diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito;
  3. in diminuzione dell’Irpef dovuta in base alla dichiarazione da presentare nell’anno in cui è avvenuto il riacquisto; 
    in compensazione con altri tributi e contributi tramite il modello F24.

Avv. Giulia Invernizzi



NewsletterRicevi le nostre ultime notizie direttamente via e-mail