I costi diretti e indiretti

I costi diretti e indiretti: cosa sono e qual è la differenza?

Per poter definire il budget nei migliori dei modi è molto importante classificare i costi. La loro classificazione e categorizzazione permette all’azienda o ad un soggetto di capire quali tipi di costi saranno affrontati durante l’esercizio oppure per un progetto.

I costi si dividono in diretti e indiretti, e dipendono dalla natura del prodotto e dell’attività.

Di solito, i costi diretti sono riconducibili a un prodotto, bene o servizio; quindi, vengono definiti tali se sono direttamente correlati al prodotto. I costi indiretti sono quelli necessari per creare il servizio o il prodotto e non sono direttamente collegati.

Definire i due tipi di costi è importante per poter gestire e monitorare le spese aziendali o le spese di un singolo progetto.

Esempio la produzione di un computer: i costi diretti sono i componenti elettrici, plastica, altre materie prime e il costo del montatore, mentre i costi indiretti sono le utenze, l’affitto dell’immobile e tutti quei costi generali escludendo i costi diretti. In genere, i costi indiretti non sono attribuibili alla costruzione di alcun servizio o prodotto.

Nella maggior parte dei casi i costi diretti sono variabili perché la produzione di prodotti dipende dalla quantità di materie prime, ad eccezione del personale dipendente che rimane costante durante l’anno e non aumenta o diminuisce in base al numero di prodotti.

Anche i costi indiretti possono essere fissi o variabili. Un costo indiretto fisso è ad esempio l’affitto, mentre quelli variabili potrebbero comprendere le fluttuazioni dei costi delle utenze.

Determinare questi costi come diretti o indiretti è importante perché permette di essere a conoscenza della contabilità ed essere in grado di pianificare il futuro della produzione.

Il monitoraggio dei costi diretti e indiretti è determinante per il costo del prodotto finale. Se non si conosce la spesa per produrre il prodotto o il servizio, non si ha la possibilità di sapere a quanto venderlo. Bisogna considerare tutti i costi, diretti e indiretti, per determinare il prezzo di vendita e assicurarsi il giusto margine di profitto.

Come accennato prima, identificare al meglio i costi diretti e indiretti permette all’azienda di creare un budget accurato, in modo da iniziare il nuovo anno sapendo già le spese che andrà incontro.

Questi costi sono fondamentali per avere una visione migliore sulla salute finanziaria dell’attività o del progetto o dell’intera organizzazione.